Perché Camminare Scalzi Fa Bene

Credo che in passato ci sia stato qualche equivoco in merito ad alcuni look adottati dal sottoscritto. Pertanto è necessaria una riflessione sul funzionamento fisiologico del sistema del corpo umano: anche se manca una risposta scientifica dirimente in tal senso, dallo studio e dalla pratica congiunta di alcune discipline e dal consulto con alcuni esperti, mi pare di poter affermare con discreta precisione che camminare scalzi è fisiologicamente corretto per alcune ragioni collegate sia al corpo fisico, sia al corpo energetico (discipline olistiche):

  1. stimola il rientro venoso (pompa venosa);
  2. attiva la circolazione;
  3. favorisce l'attivazione di punti "marma" o centri energetici posti sotto le piante dei piedi, che hanno degli influssi benefici su tutti gli organi del corpo umano;
  4. infine, non ultimo, ha un positivo effetti psicologico poiché pone la persona in una situazione di "uscita dalla zona di comfort" e quindi impone una messa in discussione e una buona dose di autostima in termini di relazioni sociali e auto-affermazione nel gruppo (valenza sociale).

A mio avviso tra tutte le concause elencate sopra, quella principale è l'attivazione dei punti energetici posti sotto la pianta del piedi, può sembrare un dettaglio ma secondo le scienze olistiche intese in senso lato questo aspetto è molto importante e non va trascurato. Ciò che rappresenta un elemento di novità è il fatto che si possa camminare scalzi anche in un contesto non necessariamente "protetto" e "olistico", anzi proprio questo aspetto faciliterebbe il punto 4) ovvero auto-stima e auto-determinazione.

Scrivi commento

Commenti: 0