· 

Il lavoro

Ecco una bella foto di lavoro ... durante l'interpretazione esegetica delle partiture di Johann Sebastian Bach ovviamente ! Perché il lavoro viene prima svolto mentalmente, prima si crea la forma mentale dell'interpretazione, poi si pensa al movimento fisico per realizzare tale forma ideale sui tasti del pianoforte ... il movimento meccanico è solamente il tramite per passare dalla forma ideale alla fisica dell'onda sonora, l'importante è l'intenzione che: i) ci ha messo il compositore (Bach in questo caso) durante l'ideazione del brano; ii) ci mette l'interprete durante la sua esecuzione. Ma se le due intenzioni divergono, che fare? E' responsabilità dell'interprete quella di "interpretare" i pezzi che più si avvicinano alle sue intenzioni comunicative, senza escludere la possibilità di comporre musica in proprio quando sente che non ha a disposizione gli strumenti giusti.

Scrivi commento

Commenti: 0

OM AJNANA-TIMIRANDHASYA

JNANANJANA-SALAKAYA

CAKSUR UNMILITAM YENA

TASMAI SRI-GURAVE NAMAH

OFFRO I MIEI RISPETTOSI OMAGGI AL MIO MAESTRO SPIRITUALE,

CHE HA APERTO I MIEI OCCHI

ACCECATI DALLE TENEBRE DELL'IGNORANZA 

CON LA TORCIA DELLA CONOSCENZA