Cosa è Pono? Uomo e Natura in Occidente [parte I]

uno strano Post questo!

Finalmente ho deciso di scrivere un post su questo argomento: essere PONO (buono, giusto, retto secondo la terminologia hawaiana) in Occidente, con particolare riferimento a tutti i fattori inquinanti (ambiente, rumori, emissioni elettromagnetiche, campi energetici e vibrazionali) che contraddistinguono il nostro spazio vitale.

 

Infatti da tempo mi sono accorto che sento un senso di malessere collegato ad alcuni aspetti della società che ci circonda, certo sarebbe tutto molto più semplice se vivessimo tutti in un posto come le Hawaii... ma non è così - purtroppo o per fortuna - e quindi dobbiamo tutti compiere uno sforzo per adattarci all'ambiente in cui viviamo.

 

Certamente non bisogna mai lamentarsi poiché a livello planetario l'Italia rappresenta ancora uno dei posti migliori in cui vivere, nonostante la crisi e la mancanza di lavoro che purtroppo per ormai la maggior parte delle persone rappresenta un problema. Per non parlare poi di tutti gli sconvolgimenti sociali ed economici che l'Umanità sta vivendo in questo periodo.

 

Quindi cosa fare?

  1. potete benissimo smettere di leggere, questo post non darà alcun tipo di soluzione a questo tipo di problemi, che ci sono e vanno affrontati in modo più competente e non certo da un semplice ed innocuo post su internet
  2. potete continuare a leggere se ve la sentite di non dovervi caricare, per un attimo, di tutto quello che sta accadendo in questo periodo storico.

L'idea è quella di cercare, per un attimo, di ritagliare un posto sereno nel quale vivere. Tutto era iniziato perché da sempre mi ha dato molti pensieri il fatto che vivere in città pone diversi limiti di tipo sociale e comportamentale, che fin da piccolo ho sempre sentito come dei macigni... tutto diverso sarebbe se vivessi al mare, pensavo, e poi crescendo, in campagna, in Paesi lontani, alle Hawaii...

 

Ma sappiamo benissimo che solamente in questa dimensione terrena siamo limitati nel tempo e nello spazio mentre invece muovendoci su piani spirituali, metafisici, possiamo raggiungere ogni posto ed ogni condizione con la nostra intenzione. Sono posti reali, spirituali, ma ben definiti.

 

Adesso però ci dobbiamo occupare del mondo a tre dimensioni fisiche nel quale bisogna sottostare a delle precise regole di spazio e di tempo. La difficoltà di questo esercizio è proprio quella di trovare una soluzione in un piano così limitato ma con il grande ausilio delle facoltà mentali e spirituali che, pur essendo interconnesse con questo piano, lo possono a volte aggirare.

 

Quindi ho deciso che questa estate davvero lascerò le scarpe in una cassettiera, e me andrò in giro a piedi nudi dove capita. Certo non è facile e soprattutto è necessario vincere una certa quantità di schemi mentali che - specialmente nel nostro Paese, per una serie di motivi culturali e sociali che qui non voglio approfondire - sono proprio belli spessi!!

 

Ma ho proprio pensato che - se vivessi in un posto ideale per me - non avrei bisogno delle scarpe!!

 

 

Inoltre basta valicare qualche confine nazionale per rendersi conto che la cosa è assolutamente normale. Ci sono artisti che vivono a piedi nudi e sono osannati in tutte le salse, non facciamo nomi ma di esempi ce ne sono davvero tanti. Per non parlare poi delle tradizioni Orientali, ma lì le cose si complicano un pochino perché ci sono altri significati religiosi ed esoterici che non vogliamo approfondire.

Qui si parla solamente di fare un po' di chiarezza su alcuni principi di base, anzi su un unico principio che è quello che camminare a piedi nudi fa bene al fisico, alla postura e alla circolazione.

 

Proprio in questi giorni si legge su un noto giornale di discipline olistiche (Pilates Journal no. 10/2017) quanto segue, ho trovato diverse conferme di ciò che già sapevo e pensavo. E' risaputo infatti che alcuni manager e dirigenti camminano abitualmente a piedi nudi senza il minimo imbarazzo.

una Citazione autorevole

Le conferme dalla scienza

Camminare a piedi nudi:

  • attiva prima di tutto la sensibilità degli arti inferiori: muscoli dell'arco plantare, delle tibie e degli stabilizzatori della caviglia.
  • Esercita la muscolatura dei piedi,
  • favorisce una distribuzione corretta del peso del corpo,
  • aiuta a ritrovare il baricentro naturale,
  • attiva la traspirazione e la circolazione del sangue,
  • fino a godere di un vero e proprio massaggio del piede molto benefico per via del contatto con il suolo.
  • Infine contribuisce a ridurre il gonfiore delle gambe e previene il gonfiore alle caviglie dovuto a problemi di circolazione.

Secondo uno studio dell'Università della California camminare a piedi nudi

  • migliora anche la fluidità del sangue e la circolazione,
  • diminuendo così i rischi cardiovascolari come infarto e ictus.

E sempre secondo lo stesso studio il contatto diretto con la terra avrebbe anche altri benefici

  • come la diminuzione dei disturbi del sonno,
  • di dolori muscolari e articolari di vario genere ,
  • di artrite, diabete e asma.

Infine le terminazioni nervose che si trovano sulla pianta del piede, entrando in contatto con il terreno,

  • contribuiscono a rimuovere ansia e stress.

Gli effetti negativi dell'indossare le scarpe

Il corpo umano è progettato per camminare a piedi nudi.

Indossare scarpe

  • indebolisce la muscolatura dei piedi,
  • ne impedisce i movimenti naturali e
  • fa in modo che il peso del corpo si sposti verso l'avampiede anziché gravare soprattutto sul tallone.

Secondo alcuni studi di biomeccanica che hanno analizzato il movimento esatto delle gambe e dei piedi e l'angolazione dalla quale il piede raggiunge il pavimento,

  • indossare calzature con tacco ampio nella parte inferiore altera il modo di camminare causando dolore sulla pianta del piede.
  • Scarpe con supporti alle caviglie modificano l'andatura e l'angolazione dell'arto inferiore.
  • La superficie piatta delle scarpe non sollecita correttamente il piede,
  • le gambe raggiungono il pavimento in un ordine anomalo,
  • di conseguenza la muscolatura si svilupperà troppo in alcune aree e non abbastanza in altre con conseguenti squilibri.

2+2

Da qui ho fatto come suol dirsi 2 + 2... Camminare a piedi nudi fa bene, ma qui da noi sembra che sia una cosa del tutto sconveniente (salvo qualche genio che lo ha capito) ... All'estero pare che sia una moda alquanto diffusa e praticata ...  Come mai tutte queste contraddizioni?? Quindi bando alle ciance e fare esercizio, chi mi vuole seguire e vuole abbattere un po' di muri psicologici e di convenzioni trite e ritrite si tolga le scarpe e mi segua...

Scrivi commento

Commenti: 0